La parola agli illustratori: Fabrizio Di Baldo